La Scuola di Falconeria Moderna - Falconeria Maestra - Fabrizio Piazza Maestro Falconiere

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Scuola di Falconeria Moderna

Le Scuole di Falconeria > Scuola di Falconeria Moderna


I CORSI SCUOLA
E L’ALTA SCUOLA DI FALCONERIA ITALIANA


I RAPACI UTILIZZATI NEI VARI CORSI SONO DEL CIRCOLO FALCONERIA MAESTRA

La scuola Falconeria Maestra organizza corsi/scuola di Falconeria dal 2003, e nel 1977 il maestro falconiere Fabrizio Piazza ha addestrato il suo primo falco alla Falconeria, un falco lanario.



PARAMETRI DI SCELTA FALCONERIA MAESTRA PER UN BUON CORSO/SCUOLA DI FALCONERIA

Sicuramente la prima cosa da chiedere è gli anni di esperienza in questa arte, il tipo di rapaci che sono stati addestrati e da quanti anni si fanno lezioni di falconeria e a quante persone in media e con quali risultati.
Inoltre con quali rapaci si fanno le lezioni pratiche e con quante razze di rapaci si verrà a contatto durante le lezioni ….. esempio un corso fatto solo con l’utilizzo di una razza o di un metodo sicuramente non è ne completo ne di avvicinamento, nel primo lo dice la stessa parola, mentre nel secondo se è di avvicinamento l’allievo dovrebbe vedere tutto.
Oltre a questo quanti allievi partecipano ad ogni corso, è ovvio che più allievi sono presenti meno pratica sul campo e meno apprendimento.
Nel caso di minori chiedete l’esperienza sulle fasce di età e il linguaggio che utilizzano …. È importante.

CORSO DI AVVICINAMENTO DI 3 GIORNATE FULL IMMERSION
Questo tipo di corso/scuola Falconeria Maestra, della durata di tre giornate (venerdì-sabato-domenica), vede la partecipazione per edizione di un massimo di cinque partecipanti. Questo da la possibilità poi di proseguire con gli aggiornamenti e con la crescita, attraverso aggiornamenti, lezioni sul campo e aiuti individuali per chi poi decide di avere un proprio falco. Per poi proseguire come membro associato.

QUESTO TIPO DI CORSI vengono organizzati nei mesi che vanno da novembre a marzo per poter far vedere, all’allievo, sia i falchi di alto volo, i basso volo e i “vista”, in quanto tutti utilizzati principalmente in inverno e in buona parte fermati a marzo per la muta.
Inoltre durante il corso la lezione di prevenzione cura malattie il maestro falconiere viene affiancato da un medico veterinario che completa la lezione e risponde alle domande sorte.
Argomenti trattati durante le lezioni in periodi e tempi da definire:

COME GIA’ SUCCESSO SI INVITANO GLI “AVVOLTOI” A SCRIVERE SUI PROPRI SITI I PROPRI PROGRAMMI E DI EVITARE DI FARE IL COPIA INCOLLA CON CIO’ CHE E’ SCRITTO IN QUESTO SITO …. E’ UNA VERGOGNA FARE QUESTO …. IO PENSO CHE SE GIA’ NON SIETE IN GRADO DI STILARE UN PROGRAMMA FIGURIAMOCI CHE “FRUTTO” POTETE DARE ALLA GENTE.

- storia della Falconeria
- falchi da Falconeria
- chi è il falconiere, l’astoriere, l’aquiliere
- leggi sui falchi e sulla Falconeria, comprese le varie richieste e dichiarazioni alla Provincia
- utilizzo della falconeria ai giorni nostri
- l’attrezzatura e la falconiera: i geti, la piastrina di riconoscimento, i doppi anelli, la lunga e il nodo del falconiere, i sonagli, radio ricetrasmittenti, la filagna, le borse, il guanto, i cappucci e l’incappucciamento, blocchi e pertiche, trasporti, il quaderno del falconiere, il logoro e suo utilizzo, il bagno, varie ed eventuali
- addestramento dei falchi d’alto volo: alimentazione ( nei giovani, nei pullus, dei falchi addestrati, durante la muta, dopo la muta), la carne lavata, ammaestramento ed addestramento, volo al pugno, richiamo al logoro, l’addestramento madre, la caccia, tecnica di cattura dei falchi fuggitivi
- i cani e la Falconeria
- addestramento dei falchi di basso volo: prima nutrizione, salto al pugno, introduzione alla preda, il logoro, la traina, la caccia, stato di yarak
- lezione di veterinaria: tenuta da un veterinario esperto e coadiuvata dal sottoscritto. Questa lezione si svolgerà insieme ad altri allievi della scuola
- muta e innesti: penne e piume, muta nei falconidi e negli accipitridi, muta al blocco, nella stanza, innesti, penne da stress
- il principio dell’Alta scuola di Falconeria: …..falco in aria mani in tasca, logoro visto logoro dato, amare i propri falchi.

A questi corsi hanno partecipato e partecipano allievi provenienti da molte Regioni di Italia:
Lombardia, Piemonte, Liguria, Puglia, Toscana, Sicilia, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Veneto, Valle D’Aosta, Marche, Umbria, Abruzzo, Lazio, Campania, Basilicata, Calabria, Sardegna.
Questo sta a dimostrare la piena efficienza e serietà nei confronti di chi si avvicina alla Scuola Falconeria Maestra.
Gli allievi vengono seguiti direttamente dal maestro falconiere.
Durante le giornate, vengono invitati allievi dei corsi precedenti, già muniti di rapaci propri, che mostrano e condividono la propria esperienza con le nuove leve, questi così facendo, ossia rimanendo accostati al maestro falconiere, continuano la pratica sul campo non da iscritti “paganti”, ma da compagni di campo, perché la Falconeria è questo.
I corsi servono anche ad avvicinare e ad apprendere le basi solide dell’addestramento e della prevenzione, poi deve nascere una continuità di uscite sul campo gratuite che servono a completare l’opera (pensate che ho degli allievi ormai falconieri che mi seguono da più di 10 anni, ad alcuni sono stato testimone di nozze e grande amico ancor oggi …. E pensate che è nato tutto con un corso ….. questa è Falconeria …. Ed è per questo che chi non funziona viene allontanato …. Ed ecco perché a numero chiuso).

CORSO/PROGGETTO “BOCCATE DI FALCONERIA”

Questo tipo di progetto serve ad avvicinare gli insicuri, oppure quelli che vogliono provare un esperienza nuova, o quelli che vogliono approfondire un argomento, o quelli che , magari, hanno poche basi e vogliono “aggiustare il tiro”, o quelli che hanno già i rapaci e vogliono saperne di più (in questo ultimo caso si vaglierà di volta in volta se accettare l’allievo o meno).
I corsi di questo tipo vengono organizzati nell’arco di tutto l’anno e hanno la durata di due giornate, di una giornata, di due mezze giornate, o di una mezza giornata. E vengono organizzati i sabati e le domeniche.
Insieme al corsista si decide il programma e la gestione dei momenti da passare insieme.
Questo tipo di attività è aperta anche ai più piccoli (Battesimo del guanto) a partire da otto anni, accompagnati da un adulto. OPPURE PER MINI CORSI SULLA GESTIONE DEI RAPACI NOTTURNI.


L’ALTA SCUOLA DI FALCONERIA ITALIANA di “terapia intensiva”
15 giornate o 30 mezze giornate di corso intensivo di Falconeria
Vera e propria scuola di Falconeria, all’interno dell’associazione riconosciuta da statuto notarile, dove la teoria si fonde con la pratica sul campo, da come maneggiare i vari rapaci, a come volarli e addestrarli. L’allievo diventa parte integrante con il maestro falconiere che così facendo forgia ottimi falconieri basandosi sul far apprendere al novizio tutto ciò che serve per conoscere questa nobile arte e le licenze necessarie per praticarla.
L’apprendimento avviene tramite l’utilizzo dei falchi della scuola stessa, così facendo non si incorre nello sbaglio di acquistare i rapaci prima di sapere a cosa si va incontro, infatti il principio fondamentale del Circolo è proprio quello di mostrare tale pratica nei minimi dettagli e di distogliere chi non ha veramente passione, evitando così l’acquisto di animali che poi vengono lasciati in un angolo per mancanza di tempo o spazio.
Argomenti trattati durante le lezioni in periodi e tempi da definire con l’allievo.


CORSI DI AGGIORNAMENTO EXTRA SOLO PER GLI ALLIEVI FALCONERIA MAESTRA

TECNICHE PRATICHE CON PROPRIO FALCO ALLE PASSATE AL LOGORO CORDA LUNGA, CORTA E CANNA prima edizione 2009

TECNICHE PRATICHE DI COSTRUZIONE CAPPUCCIO ARABO-OLANDESE-ANGLOINDIANO prima edizione 2012

TECNICHE PRATICHE DI COSTRUZUINE GUANTO prima edizione 2005

TECNICHE PRATICHE DI COSTRUZIONE LOGORO NATURALE , IN CUOIO E ALTRI prima edizione 2008

CORSO TECNICO PRATICO ALLONTANAMENTO SPECIE INFESTANTI prima edizione 2005

CORSO PER FIGURANTE STORICO DI FALCONERIA prima edizione 2012

CORSO DI RIEVOCATORE STORICO DI FALCONERIA prima edizione 2012


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu